31 ottobre 2008

Playing with The Beatles

Mettere d'accordo Paul McCartney, Ringo Starr, Olivia Harrison e Yoko Ono per una volta è stato un gioco.
E sì che stiamo parlando di qualcosa di colossale. Non di un paio di brani, ma dell'intero catalogo dei Beatles a disposizione di un Rock Band a loro dedicato.
E io che speravo di dover far spazio solo per la batteria di Guitar Hero.

30 ottobre 2008

Aiuto Robert!

Si dice Jimmy Page e John Paul Jones stiano cercando un cantante per riformare i Led Zeppelin.
A questo punto solo un ripensamento di Robert Plant potrebbe evitarci una simile sciagura (come non ci bastasse Johnny Marr nei Cribs).
Con una mano sulla coscienza, rifletta e si prenda le sue responsabilità.

29 ottobre 2008

28 ottobre 2008

E poi dite di Mario Luzzato Fegiz...

...è l’heavy metal a non essere mai diventato “classico”, così come invece lo è diventato l’hard rock.

E' finita. Mettiamocela via. Ormai le parole definitive a riguardo sono state pronunciate e vengono dallo stesso che aveva scritto:

I Kings Of Leon, ovvero la dimostrazione pratica che il rock è vivo e lotta insieme a noi. Band originale sotto ogni punto di vista, in grado di muoversi verso il futuro senza dimenticare da dove si arriva. E di suonare “duro” senza far sconti, mantenendo allo stesso tempo un approccio sanamente “intellettuale”. Arte e potenza, cosa volere di più? E “Charmer” è un brano che da senso, da solo, a tutto il rock di oggi, così come è stato per “God Save The Queen”, “My Generation”, “Smells like a teen spirit”. L’ho sparata grossa? Non credo, davvero. ***

27 ottobre 2008

Oasis - I Am The Walrus (Electric Proms 2008)

Gli Oasis sono così, lo so bene. Eppure, dopo quanto visto la settimana scorsa, ieri sera non riuscivo ugualmente a credere ai miei occhi. Magnifico concerto di chiusura dei BBC Electric Proms alla Roundhouse di Londra. Il coro è il Crouch End Festival Chorus.

24 ottobre 2008

AC/DC - Black Ice

Devo molto agli AC/DC.
La scossa in fondo me la diedero loro. La presi un pomeriggio del 1981, al passaggio radiofonico di un brano dalle sonorità ignote: Back In Black.
Fu uno shock improvviso, una folgorazione dalla quale non mi sarei più ripreso.
Quando, solo qualche anno dopo, provai a condurre un programma "hard 'n' heavy on the air" lo chiamai ovviamente "High Voltage".
Ciononostante da "For Those About To Rock" nulla degli AC/DC è più riuscito a coinvolgermi. Lasciate perdere chi vi dice che tanto i dischi degli AC/DC sono tutti uguali. E' gente che non ha mai preso la scossa.
Ci sono voluti 27 anni, ma "Black Ice" suona finalmente di nuovo Uguale.
Merito della sorprendente produzione di un Brendan O'Brien molto più a suo agio che con Springsteen. Merito di un Brian Johnson più caldo che stridulo (Rock 'n' Roll Dream), di un Angus Young (Skies On Fire) totalmente ritrovato e di una band (War Machine) "ispiratissima".
Tre pezzi di troppo (non starete a fare le pulci agli AC/DC?) e 12 quadrati perfetti. Uno si chiama pure Decibel.

8/10

23 ottobre 2008

Dubbi

Ma non sarà mica frocio anche Borghezio?

PreGiudizio: Guns N' Roses - Chinese Democracy

"Appetite For Destruction"?
Una pietra miliare, il disco ROCK degli anni '80.

Stando a questo primo brano direi che più che i Guns N' Roses sembrano i Velvet Revolver con Axl.

22 ottobre 2008

Wall-E

Domenica siamo andati a vedere Wall-E.
No, non al cinema parrocchiale, ma in una di quelle normali multisale di provincia che dovrebbero essere preferite ai tanto detestati "Multiplex".
Niente da fare: non ci è piaciuto.
Un'enorme delusione, mal celata anche dai più piccini.
Ma com'è possibile? Tutti coloro di cui mi fido hanno detto che è un capolavoro.
Vorrei esprimere, qui, tutto il mio dissenso. Non solo non ho visto nulla di ciò che ho letto e sentito, ma trovo addirittura assurdo si sia definita nuova frontiera dell'animazione ciò che sembra solo la grafica computerizzata di un buon film sci-fi.
Mi trattengo, aspetto. Ci dev'essere qualcosa che non va.
Non lo faccio mai: lancio Azureus e provo a scaricare il film. Versione da Dvd Screener a divx da 700 MB. Roba che sulla carta mi rifiuterei anche solo di inserire nel lettore.
Invece dovrei rifiutarmi di andare al cinema, cazzo! Dove non cambiano le lampade al proiettore, dove era tutto scuro e sfuocato, dove mancava ogni profondità, dove Wall-E non era quello che ho appena visto in televisione.
Sarà anche un mio cruccio, ma la vogliamo smettere con questa menata dei cinema e cominciare a pubblicare subito i DVD o no?
Ah, il film ora ci è piaciuto moltissimo.

20 ottobre 2008

Kaiser Chiefs - Off With Their Heads

Ora basta però.
"Yours Truly, Angry Mob" era un disco mediocre che almeno conteneva Ruby.
Questo invece è solo un arido tentativo di rifare "Employment" sotto lo guida di Mark Ronson anzichè di Stephen Street.
Loro son convinti di Never Miss A Beat, ma stavolta non ne hanno imbroccata una.

4/10

The Streets - Everything Is Borrowed

"Original Pirate Material" e "A Grand Don't Come For Free" sono stati album straordinari per cui The Streets merita di essere ricordato tra i pochissimi che hanno saputo dire qualcosa in questo decennio musicale.
Se il prossimo disco, quinto ed ultimo secondo quanto dichiarato, non fosse però in grado di farlo uscire dall' impantanamento nel quale si è cacciato da pulito, gli consiglierei di non pubblicarlo.
Eviterebbe di compromettere ancora inutilmente la sua reputazione.

5/10

18 ottobre 2008

Se ad inizio tour siamo messi così...

Non solo non sono gli Oasis quelli che ho appena visto su Mtv dal loro concerto di ieri sera, ma non sono neppure i Gallaghers.
Pure la scaletta fa schifo e, credeteci o no, non fosse per i Kasabian potrei considerare seriamente di saltare il turno.

16 ottobre 2008

Oasis - Dig Out Your Soul

Il terzo miglior disco degli OASIS?
"Be Here Now".
Non sono mica gli OASIS quelli che, con gesto assai poco working class, prima cacciarono Bonehead e Guigsy per degli inutili musicisti migliori, e poi si trasformarono nel gruppo dai batteristi "invisibili".
Gli OASIS sono quelli che terminarono la propria parabola nel frastuono di cocaina di "Be Here Now" (ultimo album della storia in grado di creare code fuori dai negozi il giorno dell'uscita). Sono quelli là. Do You Know What I Mean?
Questi qui sono solamente gli Oasis, "la band" che tra episodi buoni ("Heathen Chemistry") e deludentissimi ("Don't Believe The Truth") mantiene viva la memoria di ciò che fu.
Detto questo, "Dig Out Your Soul" è un disco straordinario a metà.
Bag It Up, The Turning, Waiting For The Rapture sono esattamente ciò che ogni Gallagheriano sognava di risentire.
I'm Outta Time,
il cui passaggio costringe alla sospensione di qualsiasi attività intrapresa, è il più bell' omaggio a Lennon che Liam potesse mai sperare di realizzare: semplice e delicato come l'inserimento della voce di John da un'ultima intervista del 1980.
Tutto il resto purtroppo non può e non regge il confronto. La composizione di Gem è salvabile (To Be Where There's Life), quella di Andy insulsa (The Nature Of Reality), Ain't Got Nothing brutta quanto The Meaning Of Soul. Soldier On solo un normale brano di Ian Brown solista.
Nel complesso l'atmosfera "Abbey Road" riesce fortunatamente a confondere gli incidenti.
Ma soprattutto ci sono quei 4 pezzi. Cosa non si perdonerebbe per quei 4 pezzi...

8/10

14 ottobre 2008

Poi non ditemi che non ve l'avevo detto

22.06 Milano, Datch Forum
24.06 Roma, Palalottomatica

Biglietti in vendita a partire dalle 00.01 di sabato 18 Ottobre su Ticketone.

Palco al centro dell'arena e show a 360°. Come ai tempi di "Load" e come al concerto al London O2 del mese scorso. Quello che aspettiamo qualcuno ci racconti.

UPDATE: Mastodon e Lamb of God saranno le band di supporto.

Peace & Love


Qui sulla lungimiranza dei Simpsons a riguardo.
Grande Ringo!

Where the grass is green and the girls are pretty

I videogiochi sottraggono una quantità di tempo impressionante alla visione della programmazione televisiva. Ogni vero appassionato sa che ci sono periodi nei quali la possono addirittura azzerare. Un problema che la pubblicità tradizionale sarà prima o poi costretta a porsi.
Obama intanto ha pensato di comperarsi un po' di cartelloni sulle strade di Paradise City. Vediamo chi avrà il coraggio di farsi vedere su quelle di Grand Theft Auto 4.

13 ottobre 2008

Bevenuta Amanda!

Oggi Leo via sms: "Ora Natasa entra in sala parto. Stranamente non riesco a levarmi dalla testa un pezzo dei Jesus And Mary Chain tratto da Darklands che è Deep One Perfect Morning...boh."



Benvenuta Amanda!

Metallica: un classico della musica popolare

"Heavy Metal".

C’è un problema a proposito dell’uso del termine. Si sa che non gode di una buona reputazione. In molti quartieri, quelli che chiamerei i salotti buoni della critica musicale, il metal è considerato un genere inferiore. Da noi in Italia, paese culturalmente ancora periferico (don’t get me started on this: che ci piaccia o no è un fatto incontrovertibile), certe barriere (cultura alta vs. cultura bassa) di eredità crociata si erodono a fatica, o, peggio, permangono ostinate.

...la discriminazione ha una connotazione sociale. Molti tra coloro, e non solo in Italia, che sputano sul metal hanno avuto un’educazione e dei gusti borghesi/borghesotti che si auto-legittimavano anche attraverso l’esclusione di certi contenuti dalla propria dieta culturale: certe cose, punk e metal in primis, erano off-limits perché “brutte”: rozze per definizione e comunque lontane anni luce dal proprio universo estetico di riferimento.


NONOSTANTE IL NOME, I METALLICA NON SONO HEAVY METAL. SONO UN CLASSICO DELLA MUSICA CONTEMPORANEA POPOLARE E BASTA.

Ma non perché piacciono a me e agli altri 90 milioni di “rozzi e brutti” che hanno comprato i loro dischi. Perché quello che vent’anni fa sarebbe stato un disco invendibile fuori dei circoli di iniziati, oggi è andato numero uno in UK poco dopo l’uscita e venderà un catafascio di copie/downloads.
..

Sono immensamente grato a Leonardo Clausi per avermi dedicato questo post. Vi prego di leggerlo.

10 ottobre 2008

Scolaretti

E poi uno dice: cosa comperi a fare il quotidiano? Non fosse per la mezza pagina di pubblicità sul Corriere di oggi, manco avrei saputo che il 19 marzo ci saranno gli AC/DC ad Assago.
Jacopo mi ha chiesto se lo porto.

9 ottobre 2008

Il Petroliere

"There Will Be Blood" di Johnny Greenwood (Radiohead) è una colonna sonora vera, non può essere scissa dalla visione del suo film.
Non si può non vedere "Il Petroliere". Per ciò di cui è capace Daniel Day-Lewis e per la tensione narrativa che musica ed immagini sole, come nei 20 minuti iniziali, riescono a raggiungere. Bellissimo.

7 ottobre 2008

TV On The Radio - Dear Science

Amate Prince, Peter Gabriel, David Byrne, i Living Colour, il funk?
Probabilmente riuscirete ad apprezzare ciò che io non riesco a comprendere.
Non prendetevela, ho provato e riprovato.
E' stato un supplizio.

5/10

6 ottobre 2008

Non pensarci

Una commedia delicata, attori che non urlano, un Valerio Mastandrea "rocker" in formissima.
Basta poco perchè un film italiano appaia eccezionale.

The Followills vs The Gallaghers: 1-0

Cosa possano contare le classifiche dei singoli non credo lo sappia più nessuno. Se siano i giovani a comperarli neppure.
Fa comunque un certo effetto vedere che in UK i Kings Of Leon han fregato gli Oasis.

3 ottobre 2008

Kings Of Leon - Only By The Night

Agli Americani va riconosciuto il merito di non essersi ancora fatti abbindolare dalla assoluta normalità di questi connazionali.
Speriamo riescano a tenere duro anche davanti al più mediocre dei loro quattro dischi.
Solita ottima produzione e canzoni incompiute. Un bel pezzo (Crawl), un singolo che avevano già fatto meglio gli Strokes (Sex on Fire), inaspettate schitarrate alla Editors (Use Somebody) e la ridicola "natalizia" 17 per cui tutti coloro che derisero i Darkness dovrebbero chiedere scusa.

5/10