29 ottobre 2009

Alice In Chains - Black Gives Way To The Blue

L'inconfondibile suono di Jarry Cantrell e degli Alice In Chains è vivo. La voce di Layne Staley è stata resuscita, non la sua malattia.
Ci sono comunque canzoni più che sufficienti (Lesson Learned, When The Sun Rose Again) a far riemergere la nostra nostalgia per quella che fu la miglior band di confine tra il grunge e il metal.
Lo pensa anche Elton John (Black Gives Way To The Blue).

7/10

6 commenti:

modesty ha detto...

damned baby, you are good in hitting hard on my memories with your stuff!

...don't push it!

:-))) love, mod

Euterpe ha detto...

Ho recensito questo disco quasi un mese fa e da nostalgico del grunge dico che è un bel disco anche se appartiene alla decade precedente, è come se fosse il seguito di Grind anzi secondo me è pure meglio

accento svedese ha detto...

Mi passi una cosa politicamente scorretta?
L'eroina avrebbe dovuto portarsi via pure Cantrell. Quella degli Alice in Chains è la reunion più insensata di sempre. Anche di quella degli Smashing Pumpkins.

onan ha detto...

Una reunion con cambio del cantante è una cosa di per sè inconcepibile. Eppure, c'è molta più dignità qui che in molte altre. Molto più insensati (solo per fare un esempio) i Deep Purple senza Blackmore.

Jaky ha detto...

A me piace, ma la voce è meno triste.
Gli avrei dato un 8/10.
Bello comunque.
Accento svedese:Cantrell ha cercato di uccidersi con un lancio con il paracadute per cercare di diventare una vera rockstar.

onan ha detto...

Jaky: ci ho pensato molto. Ma sotto certi punti di vista l'8 ci sarebbe proprio stato.
Ehi, figliolo, quella del paracadute non la sapevo.