23 giugno 2009

Metallica - Milano, Forum 22/06/09

Nonostante l'ottimo auspicio di Heavy Metal Thunder dei Saxon, sparata prima delle note di Morricone, quello di ieri sera non è stato certo uno dei migliori concerti dei Metallica.
L'esatto contrario di ciò di cui, solo undici mesi fa, erano stati capaci al Parco Nord di Bologna.
Un'esibizione frastagliata da insoliti problemi acustici, così evidenti e fastidiosi da lasciar immaginare al mixer non stesse seduto Big Mick.
"Death Magnetic", eccetto The Day That Never Comes e All Nightmare Long, live non funziona, nonostante Lars, che molti sospettavano incapace di suonarne le parti, risulti invece credibile. Sono i pezzi che non girano e si mischiano ad una pessima scaletta: non basta The Memory Remains (che senso ha senza Marianne Faithfull?) c'è pure Turn The Page.
Pazienza. Disposable Heroes, Master Of Puppets, Fight Fire With Fire e Trapped Under Ice suonano, almeno loro, straordinarie, superando l'unica prova che conta: la pelle d'oca.
Sappiamo farcele bastare.

Immensi i Mastodon. Brann Dailor è il Keith Moon dell'Heavy Metal.
Immensa pure l'ingiustizia di una line-up per cui i Lamb of God (buoni da sacrificare) hanno potuto "suonare" per secondi e il doppio del tempo.

le foto

10 commenti:

Il Grande Favollo ha detto...

I Metallica dal vivo raramente hanno azzeccato un accordo. Me li ricordo a Modena nel '91, completamente ubriachi, sbagliare gli attacchi dei pezzi. Hetfield ruttava nel microfono, Hammett non è mai stato un grande chitarrista, ripetitivo e noioso. Sugli album ( i primi cinque), non si discute (anche se preferivo le cover dei Garage days). Il più simpatico è stato Newsted e forse per questo è andato via. I nemici Megadeth sono di alcuni km più in alto.

onan ha detto...

IGF: è evidente che la tua esperienza di Metallica live deve essere stata alquanto limitata.

Anonimo ha detto...

I Mastodon erano in 4? Io li ho visti con gli Slayer l'anno scorso ed erano solo in 3. Insomma, alla fine non mi sono perso niente, spero di vederli una volta o l'altra, magari a un concerto tipo quello che disgraziatamente mi persi l'anno scorso...

Triolocaust

onan ha detto...

Triolocaust: i Mastodon erano in 4. Siamo rimasti per tutto il tempo a bocca aperta a guardare Brann. Fortunatamente suonavano orientati verso la nostra gradinata.
Speriamo di vederli presto in un tour tutto loro.

Il Grande Favollo ha detto...

In effetti li ho visti solo quell volta ed ebbero la sfortuna di suonare dopo i Black Crowes ed i Queensryche e prima degli AcDc. Non ho ritenuto più opportuno andarli a vedere da quella volta. Avranno anche fatto show migliori non ne dubito.

roby ha detto...

A me non piacciono molto, ma ho sentito pareri discordanti sulla data di Milano.
Devono averti letto, visto che a Roma hanno modificato la scaletta.

jurassic and proud ha detto...

luca, è dei mastodon che devi fare la recensione. give the old men a break. e anche a te

duepuntitrattinoaltochiusaparentesi

onan ha detto...

IGF: no, non ne dubitare. :)

roby: ci mancherebbe pure che non mi ascoltassero. :) La scaletta cambia tutte le sere, a Roma è stata un po'(ma mica tanto) meglio. Spero siano stati migliori suono e serata.

jurassic and proud: l'amore non è sordo, ma è cieco.
duepuntitrattinoaltochiusaparentesi

Anonimo ha detto...

la scaletta non era azzecata???
The memory remainsnn nn ha senso??? ma al concerto c'eri o parli tanto per?????? E stata la canzone più emozionante!!! TUTTI hanno cantato!!!

onan ha detto...

Anonimo: si c'ero, come sempre. Non dubitare.
Che c'entra il fatto che la cantassero tutti con il risultato? Ho provato anch'io a cantarla. Quello è l'amore. Ad essere obiettivi allora andrebbe riportato anche il gelo che c'era durante i pezzi di Death magnetic, la totale mancanza di pesantezza di Sad But True, l'inefficacia di Seek And Destroy, la mancanza di tiro di Enter Sandman...