26 gennaio 2009

Lo stato di salute del Rock

Mi sbaglio o, a solo 11 mesi dalla fine di questi anni '00, il Rock rischia di non pagare il prezzo di alcun morto appartenente alla decade?
Nessun Ian Curtis, nessun Kurt Cobain.
Che significhi qualcosa?

17 commenti:

Valido ha detto...

Oh, se vuoi faccio un salto a Camden a cercare Amy...

Mr. Soft ha detto...

Io avrei puntato su Pete qualche tempo fa...

leo ha detto...

Forse è solo un riflesso del passaggio del r'n'r da una fase stradaiola ed artigianale ad una dimensione compiutamente aziendale. I management sono attentissimi e scrupolosi al loro prodotto, anche se ha un'influenza. Oppure utilizzano abilmente le dipendenze dei personaggi dosandole per costruire ulteriore hype. E' una strategia di marketing se vuoi. Alla Factory probabilmente di questo non si curavano o non avevano necessarie risorse o personale per accorgersi di come stava Curtis

onan ha detto...

Può essere, ma un marketing realmente attento dovrebbe anche accorgersi che così la cosa non sembra funzionare un gran chè.

Anonimo ha detto...

Forse per molti non ha avuto l'importanza che ha avuto per me, e comuque la sua figura appartiene piú allo shiowbiz di fine´90, ma a me la morte di Layne Staley degli Alice in Chains (nel 2002), ha fatto molto dispiacere.

kofee

onan ha detto...

kofee: eh certo, anche a me. Ma Layne Staley è stato un grande rappresentante degli anni '90.

fab ha detto...

Aspettiamo...magari Pete ti smentisce...ci sono ancora ben 11 mesi!!;)

onan ha detto...

fab: credo ormai sarebbe comunque considerato troppo tardi per lui. Quindi, a sto punto, meglio resti.

alfa ha detto...

oh, ma vuoi portare sfiga?

Captain Howdy ha detto...

Boh, io mi sento poco bene se puo' interessare (e' vecchia lo so...)

onan ha detto...

alfa: ci mancherebbe, solo una constatazione.

captain howdy: guarisci presto. :)

Joyello ha detto...

E' morto Charles Cooper dei Telefon Tel Aviv.
va bene o è TROPPO indie?

Anonimo ha detto...

Elliot Smith?

onan ha detto...

Joyello: Mi dispiace (per la sua scomparsa), ma direi che più di nicchia di così non sarebbe stato possibile.

anonimo: Elliot Smith? Mah? I suoi dischi sono tutti dei '90 tranne i due postumi.

Joyello ha detto...

Beh, dai... anche ian Curtis era di nicchia quando morse. E' diventato un'icona DOPO. E ancora oggi c'è molta gente che non ha idea di chi sia (altrimenti Control sarebbe stato distribuito come The Doors) ...
Però mi sa che hai ragione. I tempi sono cambiati e nell'epoca dell'Internet non ci possiamo "accontentare" di Charles Cooper.

onan ha detto...

Joyello: questo è vero, ma i Joy Division erano comunque già un fenomeno di culto. Non dimentichiamo che negli anni '80 se ne andò, tra gli altri, Cliff Burton.

Joyello ha detto...

già. Evidentemente hai ragione tu. Il rock non è più quella "cosa maledetta" che era in passato.
Oggi, anzi, le rockstar spendono i miliardi in rehab, invece che crepare onestamente in squallide stanze d'albergo :)