25 gennaio 2009

The Millionaire

Al protagonista ci si affeziona, la musica di M.I.A. acquista senso e il più versatile dei registi europei sa come raccontare una storia.
Il film gira, ma sorprende come Boyle, dopo lo splendido quanto ignorato Sunshine, sia dovuto ricorrere a Bollywood per farsi sopravvalutare così tanto.

6 commenti:

Lucien ha detto...

Anch'io sono del parere che Boyle sia uno dei migliori registi europei a me piacque anche il tanto infamato "The beach". E' uno che ha il coraggio di rischiare e cambiare. Questo film l'ho inserito tra i 10 più belli del 2008

leo ha detto...

La tua chiosa fa pensare che manchi qualcosa al film (che non ho visto) e a Boyle che per me non è male, ma che cosa?

onan ha detto...

Lucien: all'epoca, nonostante tutto, anche a me piacque The Beach.

leo: escluso Trainspotting (che ha un valore a sè stante) a Boyle manca sempre qualcosa per poter dire: perfetto. Stavolta, sarà l'ottima ma eccessiva costruzione, sarà l'ambientazione, mi pare manchi qualcosa più del solito.

chiarina ha detto...

Anche io ho trovato "Slumdog Millionaire" un po' sopravvautato. (perché l'hanno tradotto solo millionaire??? e allora tanto vale che lo chiamavano il milionario dio bono!!!). Molto bello per quanto riguarda regia e fotografia, una storia originale e che ti prende dall'inizio alla fine ma insomma alla fine è una favoletta..molto ben raccontata. Però tutte ste nominations mi hanno molto stupito...

SubliminalPop ha detto...

Forse perché Sunshine non era questo gran film :P

onan ha detto...

Chiarina: hanno stupito anche me.

SubliminalPop: che io abbia preso un abbaglio? :)