15 agosto 2009

40 Years After

E poco meno di 30 da quella sera in cui su Rai 3 vidi questo film su uno strano festival...

Qualche giorno dopo mi feci regalare il triplo vinile e capii che ciò che mi piaceva era il suono di quella band chiamata The Who e di quel chitarrista di nome Jimi.

12 commenti:

Lucien ha detto...

Un'eco musicale che ha catturato tanti. Quel triplo vinile è ancora lì nei miei scaffali.

onan ha detto...

Lucien: sebbene il valore di quel triplo, che sta qui al mio fianco in questo momento, sia quasi completamente iconografico. Nel complesso aveva momenti molto noiosi e non restituiva quasi nulla di ciò che si era visto nel film.
Purtroppo a quella data il VHS non era ancora arrivato in casa.
Sarà per quello che ieri ho acquistato su play.com il doppio Blue Ray 40yh Anniversary Edition da 215 minuti. :)

Lucien ha detto...

E' vero, si ascoltava il disco, sostanzialmente per rivivere il film.

accento svedese ha detto...

Io sono un nostalgico di Woodstock 94 e dgli speciali condotti da Mixo su Videomusic, fai un po' te... :)

onan ha detto...

accento svedese: e poi qualcuno dice che l'età non conta. :)

alfa ha detto...

Epperò il Santana d'epoca!

onan ha detto...

alfa: e infatti.

majorTom alias Diamonddog ha detto...

Grandissimi Santana, Michael Shrieve avrà avuto 16 anni sì e no....sul rapporto disco-film il triplo di woodstock mi ha sempre ricordato (concettualmente, non come significato) The song remains the same degli Zeppelin, un live tutto sommato mediocre che però andava di pari passo col film.

Joyello ha detto...

Non dimentichiamo che Santana, a quel tempo, era un esordiente assoluto. Lui e la sua Band ("i" Santana) non avevano inciso ancora nessun disco. Qualche mese dopo questa performance, ovviamente, arrivò "Santana" e nel 70 "Abraxas" a fare definitivamente la storia. :)

onan ha detto...

MajorTom: anche se con tutto l'amore che provo per gli Zeppelin, The Song Rmains The Same il film...

Joyello: un tipico caso in cui la maturità non ha certo portato nulla di buono.

Joyello ha detto...

Già. I pezzi memorabili del Carlos, in 40 anni, si contano sulle dita di una mano.

"The songs remains the Same" è un film noiosissimo. E Robert Plant una specie di mummia.
Meglio il disco, assolutamente. :)

onan ha detto...

Si degli Zeppelin tanto è discutibile The Song Remains The Same quamto è imprescindibile DVD.