8 novembre 2006

The Pocket DJ

Ecco, mi sono appena comperato su amazon.uk questo libro.
Io credo esistano solo due tipi di Playlists.
Quelle legate al vissuto. Troppo personali per poter essere condivisibili.
E quelle che, come in Pocket Dj, raggruppando le canzoni sotto un comun denominatore possono ispirare emozioni comuni.
Dalla testa del compilatore/dj/selecter alle gambe e ai cuori di chi ascolta.
Quello che una volta si chiamava: "fare le cassettine" o "mettere i dischi".

thanks to m-o-d

2 commenti:

occhiobuio ha detto...

questo è quello che si definisce un post biricchino.

luca ha detto...

Maliziosetto.