8 dicembre 2010

Bigmouth strikes again

David Cameron si è sempre detto fan degli Smiths. La settimana scorsa Johnny Marr in persona ha, in qualche modo, dichiarato che il primo ministro inglese non è persona degna del diritto di amare la sua ex-band. Gli ha immediatamente dato man forte anche l'intelligentissimo Morrissey (sento odore di reunion). Non bastasse, oggi l'idiozia è arrivata in parlamento dove la laburista Kerry McCarthy ha "sfidato" Cameron a suon di titoli. Cameron, a titoli, ha risposto.

Ovviamente da noi una situazione come questa è inutile sforzarsi di immaginarla. Non mi pare a Berlusconi piacciano i Nomadi.

6 commenti:

DiamondDog ha detto...

minchia anche gli Smiths che attacchini....

mod ha detto...

gustosissimo!
e per quanto concerne gli Smiths: un Cameron non può e basta. dopo che ha aumentato del 30% i costi per lo studio e altre stronzate.

Leo ha detto...

Come è per me da più di vent'anni, non smetto certo adesso di stare dalla parte di Marr. E la Britannia non cessa di essere per me terra di civiltà rispetto al nostro povero Stivale

Joyello ha detto...

Salto la "politica" e mi limito al lato brit-pop. Se fanno la reunion gli Smiths brucio tutti i loro vinili (li ho tutti: 45 LP, EP, MIX ecc...).
Se non altro farò un po' di spazio a casa.

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

da noi, al massimo, ci sarebbero botta e risposta a suon di battute dei film dei vanzina

cornholio ha detto...

Minchia questo parallelismo Smith/Camaleonti mi ha messo addosso una tristezza...