30 dicembre 2006

Swinging Saddam

L'arrivo dell'esecuzione gli è stata annunciata con un cartellino rosso.
Uguale a quelli che lui stesso aveva fatto emettere a migliaia nei confronti di condannati innocenti.
L'impiccagione del dittatore dalle simpatie hitleriane sembra però essere riuscita a mettere d'accordo tutti. Da Prodi a Berlusconi. Dagli "esportatori della democrazia" ai pacifisti più convinti. Da un Vaticano che parla di "tragedia" a una Rifondazione Comunista che non credo propensa a ridiscutere Piazzale Loreto.
Uno spirito bipartisan mai visto prima. Tutti contro la decisione di un tribunale irakeno. Il tribunale del popolo che Saddam tiranneggiava.
Comprendo le preoccupazioni per le conseguenze internazionali di questa impiccagione e condivido le ragioni degli oppositori della pena capitale (di quelli seri, contrari anche quando sono coinvolti gli amici degli Americani)
Fatico però a capire perchè molti di quelli che ho visto giustamente festeggiare la scomparsa di Pinochet oggi siano quasi intristiti per la morte di Saddam.
Dai. Via quelle facce tristi.

10 commenti:

occhiobuio ha detto...

Condivido.
E non fatico a comprendere le ragioni di coloro che sostengono l'opportunità della decisione assunta.
Dove il comprendere, però, non mi impedisce di dire che io sono contro la pena di morte.
Comunque.

federico ha detto...

In ogni caso, contro la pena di morte. Nemmeno per Pinochet sarebbe stata giusta, non è giusta per nessuno.
Col senno di poi, anche per Mussolini l'uccisione è stata sbagliata. Meglio il carcere a vita, per far capire agli italiani che non avevano/hanno capito. Si sarebbero risparmiate tante brutture all'Italia.

bleek ha detto...

Tu sei veramente, e dico veramente certo che la decisione l'abbia presa un tribunale iracheno?
No che non lo sei, non sei cosi' ingenuo.

Yoshi ha detto...

"Col senno di poi, anche per Mussolini l'uccisione è stata sbagliata"
io penso di no, e penso anche che andavano fucilati i fascisti e non riabilitati e rimessi ai loro posti.

"Tu sei veramente, e dico veramente certo che la decisione l'abbia presa un tribunale iracheno?"
anche se l'avesse presa il governo di san marino significherebbe che saddam non era colpevole?

cmq, contrario alla pena di morte, contrario anche in questo caso ma di sicuro non mi metto a protestare, anzi.

occhiobuio ha detto...

Io penso che sia stato un tribunale iracheno. Io penso che la guerra non sia stata fatta per il petrolio. Io penso che bush non sia uno scemo qualsiasi che solo il potere luceferino ha fatto diventare presidente degli stati uniti d'america (magari con il concorso della immancabile lobby ebraica... hai presente la storia che gli ebrei non c'erano qual giorno dentro le twin towers...). Penso tutto questo e altro ancora. E siccome lo penso pensando di non essere ingenuo, mi si dovrebbe dire o che sono cretino oppure - possibilmente con qualche straccio di argomento - che le cose che penso non sono affatto come penso. Però ingenuo no. Ingenuo mi fa girare i maroni.

luca ha detto...

Sono assolutamente contrario alla pena di morte. Non temete.

Non esistono processi che non siano influenzati dai "vincitori". Lo furono quello di Norimberga e di Tokio.
E' il corso naturale della storia.

Anch'io credo che pure il tribunale di San Marino sarebbe andato benissimo per giudicare Saddam. Forse quello lo avrebbe condannato ad un più equo ergastolo senza condizionale. Molti, in quel caso, avrebbero detto che il tiranno però doveva essere giudicato dalle sue vittime non da altri. Dagli irakeni e che gli Americani non avrebbero avuto nessun diritto di tirarglielo via.
Penso siano gli stessi che oggi sostengono che il trubunale che l'ha giudicato non era in realtà irakeno. Gli stessi che vorrebbero togliere la pena di morte da quel ordinamento e che si scandalizzano se viene usata. Che vorrebbero esportare ora i loro sacri diritti civili occidentali ma che inorridivano quando i "guerrafondai" parlavano di esportazione di democrazia.

Quelli che se gli Americani lo avessero fatto fuori subito avrebbero voluto un processo.

Ah, non ho alcuna simpatia per Bush.
Ho simpatia per Obama, futuro probabile candidato democratico. Ha dichiarato di ritenere equo il processo a Saddam.

bleek ha detto...

Nessuna intenzione di polemizzare, ma se anche il tribunale di s.marino sarebbe andato bene, allora la frase inserita nel post "Tutti contro la decisione di un tribunale irakeno. Il tribunale del popolo che Saddam tiranneggiava." è del tutto superflua.

luca ha detto...

Bleek, ho ripetuto ciò che aveva scritto yoshi sul paradosso di S. Marino in quanto credo i crimini di Saddam siano stati così efferati e mastodontici che qualsiasi tribunale democratico lo avrebbe giudicato colpevole. Credo il tribunale Irakeno, con tutti gli inevitabili problemi, sia stato il luogo comunque più corretto dove doveva svolgersi.

Nel post dico "Tutti contro un tribunale Irakeno...." perchè mi sorprende il non rispetto della sentenza. Se lì c'è la pena di morte, a chi mai avrebbero dovuto darla se non al loro tiranno ?

bleek ha detto...

Capisco il punto di vista.
Quello che penso, è che questa sentenza non ha fatto altro se non fare arretrare l'umanità e creare un martire di cui fancamente non avevamo bisogno.

Anonimo ha detto...

aveoklahoma http://www.webjam.com/electricblankets http://jguru.com/guru/viewbio.jsp?EID=1534431 http://jguru.com/guru/viewbio.jsp?EID=1534435 http://jguru.com/guru/viewbio.jsp?EID=1534438 http://jguru.com/guru/viewbio.jsp?EID=1534439